Album




DISTRIBUTORS:
Artist: Lucrezio de Seta Quartet
Title: Movin' On
Year of Release: 2014
Genre: Jazz
Description: Terse and seductive melody. arrangements measured with cure, interplay at his best. Movin’ ON is an inspired album: every theme, every solo is liven up from a deep intention that makes the music extant, current and alive. The ballad “Playtime”, the suite for percussion “Seguendo la Luna Laerte veleggiò verso Levante”, the two tunes of Vedic inspiration, “Suresh” and “Vedanta”, the Jazz standard “You don’t know what love is” are the pearls of an album full of ideas and intense, that goes straight to the heart. The Lucrezio de Seta Quartet has an overflowing and flexible sound, able to enhance the variety of the auditory materials keeping a strong identity.







"Lucrezio and his ensemble maneuver effortlessly between the wide ranging selections on this album. From hard bop to nepalese music, solo pieces and everything in between Mr. De Seta and his band serve the music at all times providing it with intensity and taste. He proves to be a remarkable drummer and composer with great instincts and no ego. There’s no lack of interesting material and the band’s great energy is contagious."

"In questo album, Lucrezio e i l suo ensemble si muovono con disinvoltura attraversando una vasta gamma di sfumature stilistiche. Dall'Hard Bop alla musica nepalese, gli assoli di batteria e tutto quello che si incontra nel mezzo. Mr. de Seta e la sua band si mettono al servizio della musica di tutti i tempi prendendosene cura con intensità e gusto. Lucrezio da prova di essere un batterista degno di nota e un compositore umile e di grande istintualità. Materiale interessante in questo cd certo non manca e la prorompente energia della band è letteralmente contagiosa."

ANTONIO SANCHEZ (Solo Artist, Pat Metheny Group)



"Lucrezio de Seta displays a great knowledge of the instrument from his interpretations of other writers songs, to the way he plays the instrument. It's nice to hear a traditional approach with some modern takes on how the drums should be played and all the while swinging along to the happy beat. He is smart to also surround himself with great musicians also who hear his music the way he does... Check out his brushes on Lucrezio's "Vedanta", just tasty and beautifully phrased, then the switch to sticks perfectly done. So I enjoyed listening to this album from a drummers point and from a pure listeners point also, and I’m sure you will enjoy; just open your ears and close your eyes and let the music inspire you like it has me. Enjoy and support Lucrezio as he goes on his musical journey through life and takes us with him."

Lucrezio de Seta dimostra una profonda conoscenza dello strumento tanto nell'interpretazione di brani di altri compositori quanto nel modo in cui lo suona. E' bello sentire come un approccio al drumming così tradizionale riesca a legarsi con aspetti più moderni, il tutto sempre swingando allegramente sul ritmo. Azzeccata anche la scelta dei suoi musicisti, che dimostrano di sentire la musica così come la sente lui. Ho apprezzato questo album tanto dal punto di vista di un batterista, quanto da quello di un comune ascoltatore. Aprite le orecchie e chiudete gli occhi, lasciando che la musica vi ispiri così come ha fatto con me."

GREG HUTCHINSON (Solo Artist, Joshua Redman, John Scofield...)



“Lucrezio de Seta’s new release Movin’ On is a powerful musical statement, an emotionally charged and expressive take on improvised idioms. A diverse set of pieces, widely ranging in form - it is a personal take on the multiculturalism that improvised music has become. Interesting at multiple levels, listeners will delight.”

"Il lavoro di esordio da leader Lucrezio de Seta, 'Movin'on', è una potente dichiarazione musicale, un'opera carica di emozione ed espressività incasellata nell'idioma improvvisativo dello stile. Un repertorio di composizioni varie in stile e forma si manifestano attraverso una visione personale sull'evoluzione della musica improvvisata e del suo multiculturalismo. Interessante da molti punti di vista, gli ascoltatori ne resteranno deliziati."

WILLIAM LENIHAN (Professor of the Practice in Music Director of Jazz Performance - Washington University - St.Louis)



“For drummer and producer Lucrezio de Seta the CD “Movin’ On” is a turning point, a challenge to realize, in his own words: “that which has always been deepest in my heart, namely jazz in its most radical, progressive and broadest sense”. The result is an inspired album, in which every theme and every solo is animated by an intention that renders the music current, present and alive. For the occasion, de Seta has abandoned his preferred formation, the trio, replacing it with the unbridled and flexible sound of a quartet capable of expressing the vast array of material on the CD while maintaining a precise identity. The ballad, “Giochi di Ombre”, the suite for percussion, “Seguendo la Luna Laerte veleggiò verso Levante”, the two Oriental inspired pieces, “Suresh” and “Vedanta”, and the jazz standard, “You don't know what Love is”, are pearls of a work richly teeming with ideas in which de Seta has managed to achieve a tasteful balance between written and improvised passages. In this set consisting of clear and seductive melodies, finely tuned arrangements and interplay at the highest levels, each musician contributes freely with personality: Gianni Denitto ignites the themes of the compositions with the creamy sound of his sax, expanding the harmonic spaces with his solos; pianist Ettore Carucci creating introductions, suspending themes, releases himself in solos and accompanies with a strong rhythmic/percussive drive; Leonardo De Rose’s bass sustains and enhances the entire architecture. De Seta incites, contains and steers the ensemble, reserving the suite “Seguendo La Luna…” and the piece “Die Rückker der Goetter”, to deploy the breadth of his references and his possibilities as a soloist. The excellent studio recording, the sound of the master and the balance among the voices of the instruments complete the picture: Movin’ On is the best restarting point that de Seta could have realized: a precious and complete CD, charged with ideas that push forward, beyond borders and generic labels.”

"Per il batterista e produttore Lucrezio de Seta "Movin' On" è un disco di svolta, una sfida per realizzare, con sue le parole: "quello che mi è stato da sempre più a cuore, ossia il jazz nella sua accezione più radicale, progressiva e ampia del termine". Il risultato è un album ispirato, in cui ogni tema e ogni solo è animato da un'intenzione che rende la musica attuale, presente e viva. Per l'occasione de Seta ha abbandonato il trio, sua formazione prediletta, sostituendolo con un quartetto dal suono prorompente e duttile, capace di esprimere l'ampia varietà dei materiali del disco mantenendo una precisa identità. La ballad "Giochi di Ombre", la suite per percussioni "Seguendo la Luna Laerte veleggiò verso Levante", i due brani di ispirazione orientale, "Suresh" e "Vedanta", il jazz standard "You don't know what Love is" sono perle di un lavoro ricchissimo di idee in cui de Seta è riuscito a bilanciare con gusto parti scritte e improvvisate. In questo insieme fatto di melodie terse e seducenti, arrangiamenti calibrati e interplay ai massimi livelli ogni musicista contribuisce liberamente con personalità: Gianni Denitto esalta i temi delle composizioni con il suono pastoso del suo sax espandendo gli spazi armonici con i suoi soli; il pianista Ettore Carucci crea introduzioni, sospende temi, si libera in soli e accompagna con una forte spinta ritmica/percussiva; il basso di Leonardo De Rose sostiene e impreziosisce l'intera architettura. de Seta spinge, contiene e dirige l'ensemble, riservandosi la suite "Seguendo La Luna…" e la piece "Die Rückker der Goetter", per dispiegare l'ampiezza dei suoi riferimenti e delle sue possibilità di solista. L'ottima ripresa in studio, il suono del master e l'equilibrio fra le voci degli strumenti completano il quadro: Movin' On è il migliore punto di ripartenza che de Seta potesse realizzare: un disco prezioso e completo, carico di idee che spingono in avanti, oltre i confini e le etichette di genere."

ANTONIO VANNI (Musicologo e Direttore del Art of Music Jazz Performance Program di Firenze)



“Lyricism and feeling in music are the direct consequence of expressiveness and knowing how to communicate. They are components that surpass any technical term, any pretense of emulation, any purely instrumental and earthly desire, they are the sublimation that touches the divine, or for agnostics, the confine between craftsmanship and art that every authentic musician pursues after a life of study. The only true, universal reasons for which it is always worthwhile making music beyond any sacrifice. We are all servants like Bach, Mozart, Haydn, Beethoven a at times inspired, at times faltering, but always striving. After opening with a K.Wheeler “cover” which the piano articulates with an outstandingly decisive, rhythmic symbiosis, it arrives at almost intimist compositions that seem to make up the central nucleus of the album. Through their individual contributions, the quartet fully expresses the meaning of the words, “continual mutation”. The investigation of various thematic cores can be felt in the musical fabric, and they are given form in turn by Ettore Carucci’s piano, Gianni Denitto’s sax, Leonardo de Rose’s contra bass and the drums of Lucrezio de Seta. The fluid interplay of the instruments creates continually changing atmospheres and visions, mutations in the intrinsic nature of the musical material. The spirit of the whole recording is felt, at times, charged with rhythmic tension, now captivating, then compelling, with a sense of perpetual boundlessness, with episodes of intense authentic lyricism. Everywhere there are traces of truly intense jazz, but we are instead in the environment of contemporary music; in part propelling, enchanting, lyrical and luminescent.”

"Il lirismo e il sentimento nella musica sono la diretta conseguenza dell’espressività, del saper comunicare, sono componenti che valicano ogni tecnicismo, ogni pretesa di emulazione, ogni velleità puramente strumentale e terrena, sono la sublimazione che raggiunge il divino o per gli agnostici il confine tra artigianato e arte che ogni autentico musicista dopo una vita di studi insegue. L’unica vera, universale ragione per la quale vale sempre la pena fare musica oltre ogni sacrificio. Siamo tutti servi come lo erano Bach, Mozart, Haydn, Beethoven a volte ispirati, a volte barcollanti ma sempre protesi verso. Dopo un’apertura “cover” di K.Wheeler in cui il piano si esprime con una simbiosi ritmica decisamente notevole si giunge a composizioni quasi intimiste che sembrano costituire il nucleo centrale dell’album. Attraverso l’apporto individuale il quartetto esprime appieno il significato del termine “mutazione continua”. Si avverte nel tessuto musicale la ricerca di molteplici nuclei tematici che di volta in volta prendono forma dal pianoforte di Ettore Carucci dal sax di Gianni Denitto, dal c.basso di Leonardo de Rose e dalla batteria di Lucrezio de Seta. Gli strumenti interagiscono in modo fluido creando atmosfere e visioni in continuo cambiamento, mutazioni dunque, nella natura intrinseca della materia musicale. Il clima dell’intera incisione si percepisce ora carico di tensione ritmica, ora coinvolgente, ora incalzante ora con senso “dell’infinito perpetuo” con episodi di intenso, autentico lirismo. Di jazz propriamente inteso c’è traccia ovunque, ma siamo piuttosto nell’ambito della musica contemporanea; a tratti propulsiva, avvolgente, lirica, luminescente."

Riccardo Raponi (Solo Artist)